Notizie del settore

L'India vuole imporre una tariffa del 25% sui pannelli solari cinesi.

2018-07-18
La direzione generale delle restrizioni commerciali (DGTR) sotto il Ministero del commercio e dell'industria dell'India ha formulato le raccomandazioni di cui sopra in una relazione al governo.

Il Times of India ha riferito il 16 che questa proposta è in linea con le richieste di molti produttori indiani di energia solare. Ritengono che la massiccia importazione di pannelli solari dalla Cina e dalla Malesia da parte degli sviluppatori abbia causato "danni" a loro.

Secondo il rapporto DGTR, le esportazioni cinesi di pannelli solari verso l'India hanno rappresentato 1/5 delle esportazioni totali nella prima metà del 2016 e sono salite a 2/5 nella seconda metà dell'anno. "La Cina ha iniziato a rivolgersi attivamente al mercato indiano".

Secondo il rapporto, l'industria dei pannelli solari in India è stata colpita dall'impennata delle importazioni di prodotti correlati e la quota di mercato è diminuita. Dal 2014 al 2018, la percentuale era del 10%, 4%, 8%, 7%. & quot; Le tariffe protettive possono impedire ai pannelli solari importati di erodere completamente la base produttiva dell'industria solare cinese. & quot;

Tuttavia, questa tariffa protettiva equivale a uno sviluppatore indiano che fa affidamento su pannelli solari importati.

Sunil Jain, capo della società di sviluppo di energia rinnovabile, ha dichiarato: "Questo aumenterà la tariffa sui pannelli solari di 54 Paisa (100 Pasha = 1 Rupia), e il prodotto per unità salirà da 2,50 a 2,75 rupie a più di 3 rupie . & quot;

Circa il 90% dei pannelli solari in India viene importato dalla Cina e dalla Malesia, poiché le attrezzature importate sono inferiori del 25-30% rispetto alle apparecchiature locali.

Alcuni esperti dell'industria indiana hanno fortemente criticato la proposta della DGTR. & quot; Questa decisione, sebbene in gran parte in linea con le aspettative di protezione dei produttori nazionali, causerà gravi danni all'intero settore e influenzerà anche il governo indiano. La visione per il programma solare, & quot; ha detto Vinay Rustagi, a capo dell'Indian Solar Consulting Group.

Il Times of India ha riferito che il governo indiano intende raggiungere 100.000 megawatt di energia solare entro il 2022. Reuters ha riferito che l'India prevede di aumentare la produzione di energia rinnovabile dal 20% al 40% entro il 2030.

"Non ha senso riscuotere le tasse per due anni, perché questa volta è troppo poco per il recupero delle industrie nazionali. La maggior parte delle perdite sono quegli sviluppatori che si affidano a prodotti importati ", aggiunge Vinay Rustagi.

La Reuters ha citato la Camera di commercio cinese per l'importazione e l'esportazione di macchine e prodotti elettronici affermando che "la vera causa del danno all'industria solare interna indiana è che i produttori indiani adottano prezzi aggressivi piuttosto che importazioni".

Bloomberg ha citato Zhang Sen, segretario generale del dipartimento di produzione di prodotti fotovoltaici della Camera di commercio, dicendo che "se l'ordine è implementato, causerà danni agli acquirenti indiani e ai produttori cinesi che pagano tariffe elevate".

Tuttavia, il rapporto ha anche affermato che c'è spazio per negoziare prima che il Ministero delle Finanze indiano adotti ufficialmente questa proposta.

Il portavoce del ministero delle finanze indiano D.S. Malik ha detto che le raccomandazioni del DGTR entreranno in vigore una volta pubblicate nel Gazbar ufficiale dell'India, il record ufficiale del governo indiano. Il portavoce del ministero del Commercio, Monideepa Mukherjee, non ha risposto immediatamente a un'email di Bloomberg per un commento.

Al momento, il Times of India ha dichiarato che rappresentanti di imprese provenienti da Cina, Taiwan e Malesia, nonché rappresentanti dell'ambasciata cinese e della Commissione europea, hanno presentato al DGTR dichiarazioni contro questa tariffa protettiva.

Questa non è la prima volta che l'India ha proposto di aumentare le tariffe per le apparecchiature solari importate.

In qualità di maggiore importatore di energia solare in Cina, la Direzione Generale di Safeguards of India ha proposto per la prima volta una tariffa di protezione del 70% nel gennaio di quest'anno per proteggere la sua industria solare. Al momento, questa risoluzione non è stata approvata.