Notizie del settore

Il Canada ha sviluppato cellule solari di E. coli

2018-07-25
Una cella bio-solare si riferisce a una cella solare realizzata usando microrganismi viventi. Precedentemente, sono state preparate cellule bio-solari con l'obiettivo di estrarre pigmenti naturali usati nella fotosintesi batterica, ma questo è un processo complesso e costoso che richiede l'uso di solventi tossici e può causare la degradazione del pigmento.
 
Secondo un comunicato stampa rilasciato dalla University of British Columbia in Canada, i ricercatori della scuola hanno scelto di mantenere i pigmenti naturali nei batteri. Hanno ingegnerizzato geneticamente E. coli per produrre licopene in grandi quantità. Il licopene è un pigmento che conferisce ai pomodori il colore rosso-arancio, che è particolarmente efficace nell'assorbire la luce e convertirla in energia.
 
Dopo che la trasformazione di E. coli fu completata, i ricercatori applicarono uno strato di minerale che poteva agire da semiconduttore, e quindi applicò la miscela alla superficie del vetro per creare l'anodo della cella solare. I risultati sperimentali mostrano che la densità di corrente della batteria preparata può raggiungere 0,686 mA per centimetro quadrato, mentre la densità di corrente dello stesso tipo di batteria è solo di 0,362 mA per centimetro quadrato.
 
I ricercatori dicono che questa è la cella bio-solare più alta corrente, e il costo della produzione di pigmenti è stato ridotto a un decimo del precedente. È ottimizzato e la sua futura efficienza lavorativa dovrebbe essere paragonabile a quella delle celle solari tradizionali. Credono che i risultati aiuteranno a promuovere l'uso dell'energia solare nelle aree meteorologiche piovose come la British Columbia e l'Europa settentrionale.
 
I ricercatori hanno anche detto che il loro obiettivo finale è trovare un modo per uccidere i batteri senza produrre batteri.
 
Questo risultato è stato pubblicato sulla rivista tedesca Smol, che si concentra sulla ricerca sulle nanotecnologie.