Notizie del settore

L'umidificatore allevia l'essiccazione causata dall'aria condizionata? Devi essere così sano!

2018-06-28
Con il tempo che diventa caldo, i climatizzatori a soffio diventano una parte indispensabile della vita di tutti i giorni. Per evitare un'asciugatura eccessiva, molte persone mettono un umidificatore nella stanza per facilitare i problemi di essiccazione causati dall'aria condizionata. Tuttavia, alcune voci sono apparse di recente su Internet: & quot; L'aggiunta di acqua di rubinetto a un umidificatore per atomizzare equivale a soffocamento. & Quot; È vero?
Secondo Zhao Feihong, presidente del Comitato per l'acqua potabile sana dell'Associazione per la salute e la protezione di Pechino, "Gli umidificatori richiedono generalmente acqua pura. Quando si utilizza l'acqua del rubinetto, l'umidificatore formerà delle squame e bloccherà la bocca dell'umidificatore. Allo stesso tempo, nell'acqua di rubinetto esistono ioni di calcio e magnesio e altre "impurità". Quando queste "impurità" vengono spruzzate, formano particelle e dopo l'essiccazione lasciano uno strato di polvere bianca. Gli attuali depuratori d'aria utilizzano particelle come standard di test, quindi pensano che l'inquinamento indoor sia serio, ma questo "inquinamento" e nebbia "La foschia non è la stessa. La foschia è l'attaccamento di sostanze nocive al particolato. L'inalazione a lungo termine può facilmente causare il cancro ai polmoni. & Quot;
Perché alcune persone scoprono che il rilevatore PM2.5 è aumentato dopo aver usato un umidificatore con acqua corrente? L'uso quotidiano del rivelatore PM2.5 usando il "metodo di diffusione della luce", tutte le particelle di aerosol sono il suo oggetto di rilevamento, che a sua volta non è in grado di identificare il vapore acqueo e le particelle nocive. In teoria, il contenuto di particelle di 2,5 μm o meno è l'indice PM2.5. L'umidificatore produce particelle di vapore acqueo con dimensioni di 0,5-10 μm. Una parte considerevole delle dimensioni delle particelle di vapore acqueo è vicino alle particelle fini. Non sorprende che le letture saliranno dritte.

Nonostante questo, dobbiamo stare attenti ai rischi per la salute. Peng Yingdeng, un ricercatore del Centro di ricerca sulla tecnologia di controllo ambientale dell'inquinamento urbano, ha affermato che l'acqua del rubinetto contiene ioni di calcio e magnesio e alcune impurità e che queste impurità hanno un impatto negativo sulla salute dopo essere state spruzzate di nebbia. Pertanto, Peng Yingdeng ha suggerito che è meglio usare meno acqua distillata, più sicura, o acqua pura, e usare l'acqua del rubinetto il meno possibile. Inoltre, l'umidificatore richiede una pulizia regolare. Poiché non viene pulito a lungo, l'umidità residua interna diventerà gradualmente un focolaio per la crescita di batteri, muffe e così via. Oltre a pulire regolarmente l'umidificatore e a cambiare l'acqua, l'umidificatore deve essere pulito e conservato accuratamente dopo l'uso dell'umidificatore.
Il Dr. Zhao Zhuohui della School of Public Health della Fudan University crede che molte persone abbiano molte incomprensioni riguardo all'uso razionale degli umidificatori. Ad esempio, l'umidità relativa nell'ambiente interno non è più alta possibile. In determinate condizioni, la nebbia d'acqua può facilitare la diffusione dei batteri, causando una serie di problemi di salute tra cui la "polmonite da umidificatore". Oltre ad alcuni umidificatori sul mercato che assorbono calore per generare vapore acqueo, esiste un principio ultrasonico che utilizza oscillazioni ad alta frequenza per atomizzare l'acqua, consentendo in tal modo all'umidità di diffondersi nell'aria. Tuttavia, per quanto riguarda quest'ultimo, può essere prodotta una nebbia bianca. Questo tipo di nebbia bianca, che è essenzialmente vapore acqueo, può assorbire contaminanti tossici come muffe, batteri e decorazioni nell'aria. La nebbia d'acqua contenente batteri può colpire alcune persone vulnerabili. Le persone con malattie respiratorie croniche, come le persone con allergie come l'asma, la bronchite e la broncopneumopatia cronica ostruttiva, possono avere effetti avversi.